Durante il periodo estivo, il nostro ristorante è aperto  tutti i giorni. Nel periodo invernale, invece, aperto il weekend e aperto su prenotazione per gli altri giorni della settimana


Prenotazioni  al n.347 8463833  (Oriana)

Contenuto

 A CENA CON ... LA COMMEDIA

 Ottobre   ore 20,00

 

         MENU'

  • Salame*  della casa in graticola su letto di polenta
  • Tortelloni di zucca
  • Tagliata di manzo alla brace
  • Patate al rosmarino ed erbe cotte
  • Crostata di marmellata di pere
  • Vino, acqua, caffè, grappino    

    IL SALAME*             

 

Il salame appartiene al nostro patrimonio alimentare più antico ed è espressione di quella cultura del territorio alla quale ci si rivolge sempre più spesso per cercare cibi genuini;  può vantare  anche il fatto di rappresentare una delle più antiche forme di conservazione della carne.

Viene ottenuto  dalla macinazione della carne e del grasso suini conditi con sale e pepe e altri ingredienti, quali aromi naturali (semi di finocchio, peperoncino,

aglio ...)  e talvolta vino.

Il composto ottenuto viene insaccato in particolari budelli prevalentemente suini e appeso a stagionare.

Tradizionalmente è prodotto nei mesi più freddi dell'anno, infatti, è in questo periodo  che vengono ammazzati i maiali (30 Novembre S. Andrea).

Una parte della carne viene destinata al consumo immediato, mentre la rima-

nente viene conservata sotto forma di pancetta, lardo, coppa e altro ancora.

Una quantità significativa di carne e grasso viene macinata, insaccata in bude li per ottenere salami o collane di salsicce.

Il salame ottenuto viene sottoposto a "stufatura", che è un periodo di permanen za in locali riscaldati dal fuoco di un caminetto, successivamente viene messo a stagionare, appeso su pertiche, in luogo fresco.

I salami  possono assumere diverse forme in base al tipo di budello adoperato per insaccarli.      Inoltre, a seconda dello spessore e del budello il salame può invecchiare più o meno a lungo.

Naturalmente salami di piccolo taglio richiederanno pochi mesi se non qualche settimana di stagionatura, per contro quelli a sezione più grossa avranno biso -gno di periodi più lunghi, che possono avvicinarsi all'anno.

Si può ritenere pronto per il consumo quando sapore e aroma sono pienamente amalgamatii e armonici.  Prima di tagliare il salame, bisogna prenderlo in ma no e palparlo in tutta la sua lunghezza.

Se la pasta è molle e cedevole , il salame è troppo fresco; se, invece, risulta sodo e dà un senso di morbida compatezza, è maturo.

Se, infine, è duro, significa che ha subito un'eccessiva disidratazione, in quanto la stagionatura si è protratta eccessivamente o ha avuto luogo in un ambiente inadeguato.